Lasciateci presentarvi Yodli!

Ad un anno dall’apertura dei terzi Giochi Olimpici Giovanili invernali, Losanna 2020 ha svelato la sua mascotte ufficiale. È stata concepita da 140 studenti et studentesse dell’eracom (Ecole Romande d’arts et communication), scuola romanda d’arte e comunicazione. Noi l’abbiamo incontrata….

Ciao Yodli, sono felice di fare finalmente la tua conoscenza! Ma dimmi, da dove proviene il tuo nome? Mi dice qualcosa….

Il mio nome può sembrare famigliare a taluni….è normale! Si ispira allo Jodel una tecnica di canto interpretata in Svizzera e in una parte della Francia, i due paesi dove si svolgono i Giochi nel 2020. Del resto lo Jodel è spesso utilizzato dai pastori come mezzo di comunicazione in montagna…chiamano le loro greggi utilizzando questo canto.

Sono un po’ confuso… Mi fai pensare a una capra, ma anche a una mucca… non hai anche il muso di un cane?

Non sentirti confuso, è vero…sono un animale ibrido! Un incrocio tra la mucca, la capra e il cane San Bernardo. Tre animali tipicamente svizzeri che vivono…nelle montagne! Ah, le nostre montagne sono magnifiche, ricoperte dall’oro bianco, come si dice qui, e dove si possono praticare numerosi sport invernali…personalmente sono fan dello snowboard! Adoro quel sentimento di libertà scivolando giù per i pendii, «fluttuando» nella neve polverosa, librandomi in aria…non vedo l’ora di vedere i giovani atleti del mondo intero praticare non solo questo, ma anche gli altri sport nel gennaio 2020!

Inoltre, parlando di Losanna 2020, le mie molteplici origini incarnano anche le diversità dei partecipanti ai Giochi Olimpici Giovanili del 2020…e ne sono veramente orgogliosa!

Lo si avverte: le montagne ti parlano…!

In effetti, sono nata e cresciuta nelle montagne svizzere. Quando ero piccola, ero assai timida…ma anche molto curiosa, non riuscivo ad evitare di nascondermi per osservare gli umani che praticavano gli sport invernali. Un giorno, ho visto un bambino cadere mentre sciava. Poverino, ha cominciato subito a piangere. Mi ha spinto a uscire dal mio nascondiglio…dovevo consolarlo! Dopo avergli asciugato le lacrime, l’ho riportato fino al villaggio più vicino, dove mi hanno accolta calorosamente. Da allora non mi nascondo più. Addirittura a volte prendo la mia tavola e affronto i pendii coi bambini della regione…

Yodli, è stato un piacere conoscerti! Siamo felici di averti con noi!

Il piacere è tutto mio. Evviva la montagna, evviva lo sport, evviva la gioventù, evviva Losanna 2020!